Skip to Content

Dal mercato

Omron introduce quattro serie di dispositivi per il monitoraggio


Omron Corporation introdurrà quattro serie di dispositivi per il monitoraggio delle condizioni e verifica dello stato operativo degli impianti produttivi.
OMRONL’introduzione dei dispositivi di monitoraggio rientra negli sforzi profusi da Omron per il raggiungimento delle 100.000 unità di componenti IoT. I dispositivi di monitoraggio verificano costantemente le condizioni degli impianti e delle apparecchiature che, in alcune circostanze, potrebbero passare inosservate; rilevano in anticipo gli errori di stato degli impianti e supportano le linee di produzione e la produttività.
I dispositivi di monitoraggio controllano in tempo reale le modifiche ai sistemi di alimentazione e di circolazione degli impianti produttivi, comunicando i tempi di sostituzione delle parti nelle reti di comunicazione prima che si verifichino guasti, contribuendo a prevenire le interruzioni impreviste degli impianti e i problemi di qualità dei prodotti. Chiunque sarà in grado di rilevare facilmente i segnali di anomalie negli impianti e i guasti, mentre prima era necessario fare affidamento sull’esperienza e sull’intuito dei lavoratori specializzati.
L’uso di questi dispositivi permetterà di ridurre le perdite di opportunità associate alle interruzioni impreviste degli impianti, migliorando la precisione dei piani di manutenzione.





Vendita di quattro serie di dispositivi di monitoraggio

Dispositivi di monitoraggio dello stato dei motori
I dispositivi di monitoraggio dello stato dei motori rilevano gli errori provocati dal deterioramento dei motori a induzione trifase *2 utilizzati in numerosi impianti produttivi, ad esempio trasportatori, sollevatori e pompe. I dispositivi di monitoraggio rilevano gli errori e le variazioni di stato relativi a vibrazioni, temperatura, corrente e resistori di isolamento, mostrando i dati sull’unità principale o in remoto tramite comunicazioni Ethernet/IP™ e offrendo i seguenti vantaggi.
  • Riduzione al minimo delle perdite di opportunità provocate dalle interruzioni impreviste degli impianti.
  • Digitalizzazione delle conoscenze di manutentori qualificati e omogeneizzare la manutenzione del motore da una postazione remota.
  • Passare da una procedura d’ispezione periodica a quella preventiva, riducendo in maniera significativa le attività di ispezione.
Monitoraggio dei dati
Vibrazioni del motore, temperatura della superficie, resistenza di isolamento, corrente, livello di degradazione *3.
Metodo di uscita
Ethernet/IP (monitoraggio da PC tramite un software dedicato), uscita di allarme, uscita a transistor, indicatore a barra, display.


Alimentatori con collegamento in rete
Gli alimentatori con collegamento in rete, oltre a garantire la funzione di base di erogazione della c.c. ai dispositivi degli impianti, mostrano i dati necessari per monitorare e curare la manutenzione dell’alimentazione elettrica. Ad esempio, possono indicare quando devono essere sostituiti, mostrare informazioni sulla tensione/corrente di uscita e aumentare la corrente da remoto ricorrendo alla comunicazione Ethernet/IP e al monitoraggio dell’unità principale, offrendo i seguenti vantaggi.
  • Comunicazione anticipata dei tempi per la sostituzione di un alimentatore, riducendo le interruzioni impreviste degli impianti provocate dai problemi di alimentazione.
  • Monitoraggio da remoto dei tempi di sostituzione, esecuzione totale, tensione e corrente, riducendo gli interventi di manutenzione in loco.
  • Utilizzo in combinazione con il software dedicato per il monitoraggio dell’alimentazione (previsto a breve) per visualizzare le condizioni dell’alimentazione sulla curva declassamento *4. Per prolungare la durata dei dispositivi, è possibile adottare facilmente misure atte a migliorare gli ambienti di installazione e modificare la capacità degli alimentatori.
Monitoraggio dei dati
Anni restanti prima della sostituzione dell’alimentatore, esecuzione totale, tensione/corrente di uscita, aumento della corrente, autodiagnostica (surriscaldamento, errori di valore misurati, errori di memoria), modello del prodotto, numero di serie.
Metodo di uscita
Ethernet/IP, Modbus/TCP, monitoraggio su display.


Sensori di flusso e sensori di pressione
Un unico sensore di flusso può misurare sia la portata che la temperatura dell’acqua di raffreddamento utilizzata nelle macchine di saldatura o stampaggio. Il monitoraggio degli errori provocati dalla temperatura e dalla portata dell’acqua di raffreddamento consente di rilevare i segnali delle interruzioni impreviste causate dal surriscaldamento dei trasformatori di corrente, aumentando la qualità e la stabilità della saldatura e prevenendo gli errori di stampaggio.
I sensori di pressione mostrano simultaneamente la pressione e la temperatura del fluido idraulico nei centri di lavorazione *5 e nelle presse. Questi dispositivi rilevano i segnali del deterioramento delle guarnizioni dovuto all’aumento della temperatura e alle successive perdite di fluido idraulico. Inoltre, rilevano le variazioni di temperatura dovute al deterioramento della viscosità del fluido idraulico, garantendo una qualità di elaborazione costante.
Il fatto di non dovere installare un sensore di pressione e un sensore di temperatura sulle tubazioni dimezza i lavori di installazione.
Rilevando svariate tipologie di dati di misurazione, ad esempio “portata e temperatura” e “pressione e temperatura”, questi sensori sono in grado di visualizzare le condizioni degli impianti risparmiando denaro, spazio e ore di lavoro.

Monitoraggio dei dati
Portata + temperatura
Pressione + temperatura
Metodo di uscita
Uscita di stato, uscita di controllo, uscita analogica, IO-Link, monitoraggio su display, indicatore di stato.


Amplificatore intelligente per il monitoraggio
L’amplificatore intelligente per il monitoraggio si collega a sensori di uscita analogici generici *6.
Omron offre la serie di amplificatori N-Smart *8 di ultima generazione che si collegano ai sensori in fibra ottica e ai sensori laser. L’aggiunta dell’amplificatore intelligente per il monitoraggio, in grado di collegarsi a sensori di uscita analogici generici, permette di creare facilmente una rete economica composta da più sensori *7, al fine di tenere sotto controllo le condizioni di un impianto.
In precedenza, per ottenere i dati dai sensori con uscita analogica, era necessario disporre di onerosi data logger e dispositivi di misurazione. Il sensore può sincronizzare fino a 30 unità a velocità elevate di 1 ms, raccogliendo i dati durante le operazioni di produzione, rilevando le modifiche minime agli impianti e l’affidabilità dei segnali, consentendo quindi un controllo ottimale delle macchine basato sui cambiamenti di stato dell’impianto.

Sensori collegabili
Sensori che emettono e trasmettono i risultati delle misurazioni attraverso la corrente (c.c. da 4 a 20 mA) o la tensione (da 1 a 5 V c.c.)
Sono inoltre collegabili i sensori di flusso e di pressione.
Metodo di uscita
Uscita di controllo, monitoraggio su display, compatibile con le reti aperte (EtherCAT®, CC-Link) tramite collegamento alle unità di comunicazione.


*2 Un generatore a induzione che utilizza un alimentatore c.a. trifase, invia energia elettrica dal lato principale (statore) al lato secondario (rotore) tramite induzione elettromagnetica generando quindi elettricità.

*3 Omron fornisce un indice unico degli errori sul lato di carico in aggiunta ai motori, misurando e analizzando la corrente di un motore tramite un algoritmo.

*4 Le condizioni di utilizzo vengono determinate in base alla temperatura dell’ambiente di esercizio e al rapporto di carico con cui è possibile garantire un’alimentazione. Vengono considerate le caratteristiche di esercizio dei circuiti interni causate dall’aumento della temperatura nelle parti interne e le temperature degli ambienti.

*5 Apparecchiature di elaborazione che forano e rettificano metalli e altri materiali.

*6 Sensori che emettono e trasmettono i risultati delle misurazioni attraverso la corrente (c.c. da 4 a 20 mA) o la tensione (da 1 a 5 V c.c.).

*7 Sensori della pressione dell’aria che eseguono il monitoraggio dello stato di aspirazione dell’aria o altri sensori per il “pick & place” dei componenti elettrici.

*8 Serie di sensori di ultima generazione che comprende moduli di comunicazione che integrano dati di rilevamento e misura provenienti da sensori a fibra ottica, laser, a contatto e di prossimità. Compatibili anche con EtherCAT e CC-Link (rete di comunicazione aperta e ad alta velocità).